Guardate chi ha vinto l’Eurovision. È un bestiario dei pervertiti, omosessuali degenerati, spazzatura che sa di AIDS. Per fortuna non l’hanno trasmesso in Bielorussia”, queste le parole agghiaccianti pronunciate a CTV, tv di stato bielorussa filo Lukashenko, dal giornalista Grigoriy Azarenok. Il riferimento è ai Maneskin, il gruppo italiano che, dopo aver spopolato a Sanremo 2020, ha conquistato l’Europa con il brano “Zitti e buoni”.

“Il mondo moderno della democrazia e del progresso sta avanzando con successo verso la demenza totale, verso le perversioni fuori di testa, verso gli individui in tanga, verso la distruzione di tutto ciò che è umano nell’uomo. Dobbiamo separarci da tale progresso dalla cortina di ferro. Preferiamo la dittatura. Tutto il mondo sprofonderà in questo abisso, ma la Bielorussia rimarrà un’isola di libertà”, ha continuato il padrone di casa nella trasmissione “La Settimana” in onda ogni domenica, un programma con servizi che spesso incitano all’odio verso l’Europa.

Il filmato in questione è stato trasmesso nella puntata del 23 maggio, il giorno successivo alla vittoria dei Maneskin. Lo spiacevole episodio è stato portato alla ribalta dall’associazione Bielorussi in Italia Supolka che ha raccontato la vicenda su Instagram rilanciando il video. La band al momento non ha fornito alcun commento.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da ????❤️???? (@supolka.italia)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morta Carla Fracci, la sua vita come una fiaba: così la figlia di un tramviere è diventata con talento e ostinazione la più famosa ballerina del mondo

next
Articolo Successivo

Morta Carla Fracci, su Rai1 arriva il film “Carla” con Alessandra Mastronardi: “Ecco cosa mi ha detto quando ci siamo viste”

next