“Il Senato non è una scatoletta di tonno è un bunker antiatomico che resiste a tutto, e non bastano 8 anni per cambiare le cose, ma forse 20 anni”. Lo ha detto Paola Taverna (M5s) in Aula al Senato durante la discussione sulle mozioni sui vitalizi, a proposito della sentenza del Consiglio di garanzia che ha restituito il vitalizio a Roberto Formigoni e ai condannati. Taverna alzando i toni ha poi parlato dell’ex presidente della Lombardia: “Dove sta la disciplina e l’onore nell’aver rubato i soldi della sanità pubblica per pagarsi vacanze in luoghi da sogno? Facciamo che noi gli restituiamo il vitalizio e lui ci restituisce i 47 milioni? Mi sembra la soluzione migliore”. “L’unico intento della mozione – ha quindi aggiunto – è far capire a cittadini cosa pensate dei vitalizi ai condannati, se hanno diritto o meno a un privilegio. Perché le posizioni nei talk show in televisione vengono ribaltate nelle sedi chiuse, il Consiglio di presidenza, la Commissione contenziosa o il Consiglio di garanzia. Vogliamo che si sappia se volete che i vitalizi ai condannati vanno lasciati o no”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grasso: “Restituendo il vitalizio a Formigoni si spalancano le porte anche per i senatori condannati per mafia o terrorismo”

next
Articolo Successivo

Il sindaco di Lodi è uno degli esempi di politici messi alla gogna grillina e poi assolti

next