Momenti di imbarazzo durante l’ultima puntata de I Soliti Ignoti su Rai1. Il concorrente vip della serata era Mario Tozzi, il geologo conduttore di Sapiens: è stato proprio lui ad un certo punto a lasciarsi andare ad una considerazione che ha messo in imbarazzo Amadeus, facendo calare il gelo in studio. Tutto è successo a sorpresa durante il gioco: mentre tentava di indovinare le identità degli ignoti, Mario Tozzi è saltato fuori con una domanda “hot”. “Come mai siamo gli unici esseri viventi che fanno sesso nascondendosi? Gli animali lo fanno davanti a tutti. Forse perché in quel momento siamo vulnerabili. Indagheremo il nostro rapporto con il sesso su basi scientifiche”, ha detto rivolto a un Amadeus in evidente imbarazzo.

Il padrone di casa non ha potuto fare altro che sorridere e recuperare poi le redini del gioco, virando dall’argomento. Ovviamente la scena non è passata inosservata e tanti telespettatori l’hanno subito commentata su Twitter: “La faccia di Amadeus quando ha sentito la parola sesso”, ha scritto un utente. E ancora: “Amadeus subito meme”; “Stanno parlando di sesso su Rai1, Ama imbarazzato“. Concluso il siparietto il geologo è arrivato con un bottino 161mila euro al gioco finale del “parente misterioso” ma purtroppo non ha indovinato e il montepremi è andato perso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crozza-De Luca invita i turisti a vedere “l’Italia tutta” ma cita solo luoghi della Campania: “Che colpa ho se i posti belli stanno solo qua?”

next
Articolo Successivo

Verissimo, Silvia Toffanin: “Lea T ci accusa di censura con offese molto pesanti perché abbiamo dato spazio a chi la pensa in modo diverso da lei. Chi è che discrimina?”

next