Ancora risuonano le dolci parole di Emma Torre sul palco dei David di Donatello 2021. “Bravo papà! Sei riuscito a vincere questo premio anche se non ci sei più”, aveva dichiarato al microfono l’undicenne figlia del defunto drammaturgo Mattia Torre, ritirando assieme a mamma Francesca il David per la miglior sceneggiatura del film Figli vinto dal padre. “Emma toglie il fiato quando parla, l’ha ereditato da Mattia”, ha spiegato Francesca in un’intervista al Corriere della Sera. La donna, di mestiere ostetrica, ma appassionata di teatro, ha poi raccontato l’incontro con Mattia morto a 47 anni nel 2019.

“Ci siamo conosciuti nel 2005 tramite amici nella sua casa. Mi guardava da lontano. C’era un via vai di gente, si facevano le quattro del mattino a vedere film, a scherzare e bere birra. Un giorno al mare mi disse: ho molta voglia di baciarti. Dissi no. Allora ti abbraccio. Sono stati 15 anni di amore. Eravamo complici in tutto e per tutto, l’incontro di anime gemelle da cui sono nati Emma e Nico”.

Il ricordo di Francesca torna agli anni della malattia del marito (“Era già in metastasi a un rene quando l’ha saputo, doveva vivere due anni e invece sono stati quattro”), al fatto che lo script di Figli non l’avrebbe potuto vedere trasformato in film (“lo scrisse e indicò Giuseppe Bonito come regista al suo posto”), infine la positività e l’ironia con cui affronto l’improvvisa apparizione della malattia: “Davanti a una pizza pensò a come dovesse essere il suo funerale, nella sua chiesa che era il teatro Ambra Jovinelli. Voleva essere ricordato dai suoi amici, Valerio Mastandrea, Valerio Aprea, Pietro Sermonti… Ridevamo e piangevamo, fu un trionfo. Mattia non aveva famiglia d’origine, figlio unico, il papà morto, la mamma vive in Svizzera. La sua rete di salvataggio eravamo noi e i suoi amici. Diceva che le sue ceneri dovevano essere esposte con un bicchiere di Chardonnay. Mattia era un uomo fuori dall’ordinario che rise della malattia e della morte”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Chi l’ha visto?”, nuova pista su Denise Pipitone. L’avvocato Frazzitta: “Tu che hai mandato la lettera, fatti sentire”

next
Articolo Successivo

Oggi è un altro giorno, Viola Valentino: “La malattia mi ha travolto ma Francesco mi ha salvato. Mi sono fatta operare, ora continuo con i controlli”

next