La Polizia di Stato di Verbano-Cusio-Ossola ha eseguito misure cautelari e un obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria nei confronti di un gruppo di soggetti, tutti di origine rumena, ma stabilmente dimoranti a Milano, accusati di una serie di furti aggravati ai danni di negozi di telefonia e materiale fotografico. Gli episodi, compiuti in varie località del Piemonte, della Lombardia e del Veneto, avvenivano, come mostrano le immagini delle telecamere di sicurezza “con inaudita violenza”: la banda sfondava con mazze ferrate e palanchini i vetri delle porte di ingresso degli esercizi commerciali, rubando in poco tempo tutto ciò che era esposto e custodito, spesso incuranti dei sistemi d allarme. In particolare la banda agiva sull’asse delle autostrade Torino-Venezia e dei laghi. Le fughe erano spesso rocambolesche: i ladri arrivavano perfino a lanciarsi in autostrada da vetture in corsa lasciate senza controllo.

Due destinatari delle misure non sono stati rintracciati e pertanto risultano ricercati mentre, tre soggetti sono risultati detenuti per altra causa e uno estradato in paese estero.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Fiumicino cena in piazza per protestare contro il coprifuoco: balli senza mascherina. E la polizia sgombera tutti prima delle 22

next
Articolo Successivo

La “rivincita” di Von der Leyen al Global Health Summit: passa la parola a Charles Michel ma l’audio non funziona – Video

next