L’ospite speciale della puntata de I Soliti Ignoti andata in onda il 28 aprile è stato Sigfrido Ranucci. L’indagine è stata stravolta da una frase inaspettata: “Ho osservato i pollici degli ignoti e ho scelto il più somigliante”, ha detto il detective vip. “È la prima volta che un concorrente chiede di osservare i pollici“, ha detto Amadeus.

Sigfrido Ranucci ha scelto l’ignoto numero 3 ma, dopo aver comparato i pollici, ha un dubbio: “Cambierei con il 5”. “Ormai non si può”, lo ha gelato Amadeus. Intanto i due ignoti sono stati fatti accomodare accanto al parente misterioso e il padrone di casa a quel punto ha affermato: “Vediamo… effettivamente il pollice dell’ignoto numero 5 è più storto, quello del 3 è più dritto. Anche io potrei essere parente vostro, anche io ho il pollice un po’.. forse siamo parenti e non lo sappiamo”. Incredibile ma vero la risposta corretta era l’ignoto numero 5. Niente da fare dunque, stasera si tornerà a giocare per devolvere il montepremi alla Fondazione Italiana per l’Autismo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pio e Amedeo: “Sanremo? Lo facciamo solo con Maria De Filippi”

next
Articolo Successivo

‘Guerra spaziale’ tra Jeff Bezos e Elon Musk. Il fondatore di Amazon fa causa alla NASA. Ecco perché

next