Comincia ad alimentare polemiche la video-inchiesta di Fanpage.it sul sottosegretario all’Economia del Carroccio Claudio Durigon, in cui il parlamentare ha dichiarato (senza sapere di essere ripreso) che “il generale” della Guardia di finanza che “indaga” sulla Lega “lo abbiamo messo noi“. Mentre il suo avvocato annuncia di aver già presentato 10 querele, il caso è finito direttamente in Parlamento, dove M5s e Lega sono quasi venuti alle mani dopo un battibecco in Aula tra il deputato pentastellato Eugenio Saitta e il collega leghista Edoardo Ziello. In giornata fonti del Movimento in Senato hanno fatto trapelare ad Adnkronos l’intenzione di valutare per Durigon una mozione di revoca dal ruolo di sottosegretario del governo Draghi.

Un’ipotesi a cui il fedelissimo di Matteo Salvini, intercettato a Palazzo Madama dai cronisti, ha risposto così: “Ma dai, lasciamo stare”. “Sono tranquillissimo“. Anche il leader del Carroccio minimizza, parlando di “vicenda surreale“. Poi, senza affrontare il contenuto della video-inchiesta, passa all’attacco del M5s: “I 5Stelle si stanno agitando per nascondere i problemi di Grillo“. A entrare nel merito sono invece i pm milanesi Eugenio Fusco e Stefano Civardi, titolari dell’inchiesta sul caso Lombardia Film Commission e i sospetti fondi neri del Carroccio. In un comunicato, i magistrati confermano “la fiducia nei militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Gdf che hanno indagato su Lfc ribadiscono la tempestività, la professionalità e il rigore negli accertamenti che sono stati loro delegati“.

Se a Palazzo di giustizia la replica è secca, tra i leader dei partiti di maggioranza e i membri del governo c’è imbarazzo sulla vicenda, tanto che le richieste di chiarimento per ora si contano sulle dita di una mano. In casa M5s tra i big è intervenuto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio: “Cosa penso del caso Durigon? Penso che indipendentemente dal colore politico la trasparenza sia un dovere. Di fronte a ogni più piccolo dubbio o sospetto il soggetto politico ha il dovere di spiegare e chiarire la sua posizione. Quindi mi auguro che questo chiarimento arriverà già nelle prossime ore”. Analoga la reazione della vicepresidente del Senato Paola Taverna (M5s), secondo cui se la dichiarazione di Durigon riguardo alle indagini della Lega fosse confermata, “getterebbe ulteriori pesanti ombre su questa gravissima vicenda. La Magistratura farà chiarezza, mentre Durigon e la Lega dovrebbero dare delle spiegazioni subito“. Tra i pentastellati sono intervenuti anche l’ex ministra Lucia Azzolina e Danilo Toninelli, mentre su Facebook il Movimento ripercorre la video-inchiesta di Fanpage per chiedere “chiarezza” sulle parole del sottosegretario, ritenute “incompatibili col ruolo che oggi ricopre”.

Nel Pd uno dei pochi a intervenire con un post su Twitter è stato l’europarlamentare Pierfrancesco Majorino: “Ma come fa #Durigon a stare al suo posto?”, si legge. Nicola Fratoianni di Sinistra italiana, invece, si rivolge direttamente a Matteo Salvini, chiedendogli “di smetterla con le sue ossessioni nei confronti delle Ong, e di dedicarsi piuttosto a quanto viene denunciato” da Fanpage. “Gli intrecci societari, le commistioni affaristiche tra Lega e società private, il rapporto strano tra Lega e Ugl, i rapporti ambigui con mondi legati alla criminalità organizzata a Latina svelati dall’inchiesta appaiono estremamente preoccupanti e necessitano della massima chiarezza e trasparenza“, così come i fatti relativi ai 49 milioni spariti del Carroccio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Giuseppe Conte, Enrico Letta e Elly Schlein ospiti dell’Agorà di Goffredo Bettini: rivedi la diretta tv

next
Articolo Successivo

Migranti, Conte: “Sbagliato ridurre il tema a sterili slogan. Con il mio governo mai porti chiusi, alla fine sono sbarcati comunque”

next