Niente sconto di pena per Vittorio Cecchi Gori. È stato respinto dalla Cassazione il ricorso dell’ex produttore cinematografico contro la revoca dell’indulto decisa il 16 ottobre dalla Corte di Appello di Roma. Ciò significa che Cecchi Gori dovrà scontare la condanna definitiva emessa dalla Suprema corte nel febbraio 2020 per il crac della Safin Cinematografica, con un cumulo complessivo di pena pari a 8 anni, 5 mesi e 26 giorni. Grazie all’indulto, invece, avrebbe potuto ottenere una riduzione di 3 anni. Perché la revoca? I giudici capitolini ritengono che quel diritto sia “venuto meno” per la commissione di altri reati successivamente al crac della Fiorentina Calcio. La precedente condanna per il dissesto del club viola, infatti, aveva fatto scattare il cumulo di pena con Safin, e l’indulto ottenuto per la vicenda della Fiorentina era stato revocato per la commissione di altri reati finanziari.

Ora la Prima sezione penale della Suprema corte ha ratificato la decisione, rigettando il ricorso presentato dai legali di Cecchi Gori, con la sentenza 15873 depositata dopo la discussione a porte chiuse nella camera di consiglio dello scorso due aprile. Anche Il pg della Cassazione Simone Perelli aveva chiesto di bocciare la richiesta volta a ‘ripristinare’ il diritto all’indulto. Cecchi Gori ha ottenuto di scontare la pena in detenzione domiciliare, nella sua casa romana ai Parioli, per via dell’età avanzata – ha quasi 80 anni – e delle condizioni di salute che, unite al rischio del contagio da Covid negli istituti penitenziari, hanno spinto i giudici di sorveglianza a considerarlo troppo a rischio per affrontare il carcere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pfas, 15 persone e società rinviate a giudizio a Vicenza per avvelenamento delle acque, disastro colposo e inquinamento ambientale

next
Articolo Successivo

Bombe all’Arabia Saudita, il Tar dà ragione al governo Conte: respinto il ricorso di Rwm Italia contro la revoca all’esportazione

next