Niente carcere per Vittorio Cecchi Gori. Dietro alla decisione del giudice relatore del tribunale di Sorveglianza di Roma, che ha accolto un’istanza della difesa, di disporre i domiciliari per l’ex patron della Fiorentina, condannato a 8 anni e 5 mesi per reati finanziari, tra cui una bancarotta fraudolenta, in merito al crac della casa di produzione Safin e della società viola, c’è anche l’emergenza coronavirus che metterebbe a rischio la salute del produttore cinematografico, ancora oggi ricoverato all’ospedale Gemelli di Roma.

Nel provvedimento, il giudice Angela Savio afferma che il produttore cinematografico per “l’avanzata età e per le patologie importanti da cui è affetto, rientra nella categoria di persone più esposte, per le quali le recentissime disposizioni impartite degli organi governativi hanno esplicitamente consigliato la permanenza in ambito domiciliare”. Queste disposizioni, continua il giudice, “prevedono l’adozione di comportamenti di distanziamento sociale, sulla base della indicazione scientifica per dette persone, di uno specifico fattore di rischio di complicazioni anche fatali collegato al rischio di contagio derivante dall’epidemia di coronavirus”.

La decisione del giudice dovrà ora essere ratificata dal tribunale di Sorveglianza. Se confermata, dopo le dimissioni dal Gemelli, il produttore cinematografico potrà fare ritorno a casa con possibilità di sottoporsi a controlli e terapie in ospedale come chiesto dalla difesa.

“Esprimo soddisfazione, oltre che per il risultato ottenuto, anche per la celerità del provvedimento. Quanto capitato al mio assistito è la dimostrazione che la giustizia, se vuole, può essere rapida”, ha dichiarato l’avvocato di Cecchi Gori, Massimo Biffa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Paolo Bellini, l’ex terrorista nero nelle pagine dei giornalisti che si sono occupati di lui

next
Articolo Successivo

Taranto, revocati i domiciliari al direttore dell’Arsenale Nervi. Liberati 3 imprenditori

next