Raccontano di uno presunto stupro e ridono. È accaduto durante lo Zoo di 105 con gli speaker Marco Mazzoli e Paolo Noise. Ecco lo scambio di battute, sempre sottolineato da risate sul finire della frase. “In una serata in montagna mi ricordo uno che ne trascinò una in camera”, “Minchia“, “Senza fare nomi… Ciao A., Ciao A.“, “…e poi la riportò dove la prese!“, “Madonna, si è svegliata senza sapere cos’è successo, credo. Mi ricordo quella mattina, eravamo in montagna se non sbaglio“. Se questo non bastasse, uno speaker conferma di aver detto all’uomo protagonista della storia che aveva appena commesso uno violenza e di essersi sentito rispondere “ma a lei piaceva”, salvo poi ritrattare con un “effettivamente, ora che ci penso…”. La conclusione: “Capita a tutti di sbagliare, ragazzi. Ognuno ha i suoi scheletri nell’armadio”, e la precisazione: “Stiamo scherzando, lei sicuramente era vigile”. Il collettivo Kasciavìt ha appeso sotto la sede della radio a Milano due striscioni: “Lo stupro non è uno scherzo”, “105 volte vergogna” e organizzato un sit-in di protesta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maneskin, la band si allarga? Ecco come stanno le cose

next
Articolo Successivo

Pomeriggio 5, Barbara D’Urso terrorizzata: “Ho sentito un grande boato”, e interrompe la diretta. La verità lascia senza parole

next