Addio Helen McCrory. L’attrice inglese aveva 52 anni ed è morta dopo una lunga battaglia contro il cancro. La sua Polly Gray Shelby era una delle colonne della serie tv Peaky Blinders, tra il 2013 e il 2019 per 30 episodi. Zia dalle origine gitane (la madonna nera al collo, segno di riconoscibilità) di Thomas (Cillian Murphy) il protagonista della serie ambientata nei primi del ‘900 a Birmingham, Polly/Helen non si era mai tirata indietro di fronte alla violenza del clan familiare. Personaggio vorticoso, carismatico, trasgressivo, febbrile come l’intera serie inglese targata BBC. Inglesissima la McCrory, sposata con un altro attore londinese, Damian Lewis (Homeland), di qualche anno più giovane di lei, dal quale aveva avuto due figli, una bimba nel 2006 e un maschio del 2007, e con il quale viveva in una casa del Suffolk. “È morta come ha vissuto. Senza paura. Dio ti ama e sa quanto siamo stati fortunati ad averti nelle nostre vite dove rifulgevi in un modo così luminoso. Ora vola via, Piccola, e grazie”, ha scritto su Twitter Lewis in un ricordo commosso della moglie. McCrory era nata a Paddington nel 1968 e aveva trascorso un anno in Italia prima di tornare a studiare recitazione al Drama Centre di Londra nei primi anni ottanta. L’inizio della carriera è però sul palco teatrale, a cui segue un esordio col botto, anche se in una piccolissima particina, nel film hollywoodiano, Intervista col vampiro (è una delle prostitute) assieme a Tom Cruise. Poi tante altre parti di contorno, tra cui L’amore fatale, tratto da McEwan, fino al primo ruolo da co-protagonista in The Queen (2006) dove interpreta Cherie Blair, la moglie del premier britannico Tony Blair, incrociando la presunta “normalità” del primo ministro con colleghi deputati e reali d’Inghilterra. Altro ruolo cruciale per la McCrory è quello della strega con i capelli tricolori neri e biondo cenere ai lati, di Narcissa Malfoy nei tre episodi della saga di Harry Potter: Il Principe Mezzosangue (2009) e ne Il dono della morte parte prima e seconda (2010-2011). Infine nel 2013 la matriarca prepotente della famiglia Shelby in Peaky Blinders. Assieme al marito Damian sono stati molto attivi, anche fino a pochi mesi fa quando Helen era già molto malata, in importanti azioni di volontariato verso gli operatori sanitari in prima linea contro il Covid.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La psicobanalisi di Crozza-Recalcati è esilarante: “Noi prendiamo i figli per mano, gli animali no. Non hanno le mani”

next
Articolo Successivo

Amici 20, Arisa attacca Rudy Zerbi: “Sei un rompic***”. Stash e Stefano De Martino scoppiano a piangere

next