Picchiati, colpiti con getti di acqua fredda, oggetti scagliati addosso, sottoposti a continue punizioni fisiche e umiliazioni psicologiche. Questo l’orrore cui, secondo gli inquirenti, sono stati sottoposti i nove disabili ospiti di una comunità in provincia di Milano, i cui due titolari, Nadia De Fanti, 68 anni e Francesco Castoldi di 25, sono stati arrestati all’alba di oggi dai carabinieri di Varese, su decisione del giudice per le indagini preliminari di Milano Alessandra Clemente. Sottoposti a misure cautelari anche cinque operatori. A quanto emerso dalle indagini dei militari, iniziate grazie a una segnalazione ai carabinieri di Castellanza (Varese) da parte di una dipendente temporanea della comunità, e coordinate dal pm Rosaria Stagnaro, gli ospiti della comunità erano costantemente obbligati a stare seduti a tavola in posizione perfettamente eretta, alcune volte con bastoni infilati nella cintura e in una bandana legata alla loro testa. Chi non resisteva veniva costretto a saltare i pasti osservando gli altri mangiare. La mattina, se qualcuno non si voleva alzare, veniva colpito con secchiate di acqua fredda. Durante la giornata se un ospite dava fastidio veniva colpito con oggetti, bagnato con spruzzini o lasciato fuori dalla struttura al freddo anche per tutta la notte, durante l’inverno, tanto da provocargli ecchimosi da ipotermia. In alcune occasioni erano costretti a sfilarsi la biancheria intima davanti a tutti e dimostrare fosse pulita, in caso contrario venivano obbligati a lavarla a mano nei bagni. “Fai schifo, sei un animale”, una delle frasi intercettate dagli inquirenti. E, ancora, “ti faccio ricoverare, ti mando via”. Infine, chi si lamentava veniva minacciato di dover subire il “metodo Anna”, ovvero “un calcio nel c..o così forte che te lo sfondo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scontri in Val Susa, la denuncia dell’attivista No Tav: “Sparati lacrimogeni ad altezza d’uomo”

next
Articolo Successivo

Cartabellotta: “Superato il picco, ma discesa è lenta. Se non arriviamo a meno di 50 casi su 100mila abitanti, tracciamento resta impossibile”

next