L’iconico sfondo fucsia e l’immagine di quella che sembra essere la nota bambola Barbie con il cappio al collo e, al posto del logo, la scritta “Suicide” accompagnata dallo slogan: “Stupisci i tuoi followers con un’uscita di scena mozzafiato“. E, accanto a lei a mo’ di “accessori”, un bambolotto in lacrime, dei coltelli, una pistola e un flacone di “Barbieturici”. È ciò che era stato immortalato in una serie di manifesti affissi in tutta Milano, ultima “opera” dei due controversi street artist Hogre e DoubleWhy. I cartelloni sono stati ora rimossi dopo le segnalazioni e le proteste dei residenti per la chiara istigazione al suicidio ma sul web non si placano le critiche.

I due “artisti” hanno rivendicato i manifesti inserendovi le rispettive firme e il link al sito sito stealthisposter.org, dove si trovano immagini dell’opera – postate anche sui rispettivi profili Instagram -che definiscono come “una forma di provocazione“. Per Hogre e DoubleWhy sarebbe infatti “solo” un esempio di “subvertising”, ovvero di stravolgimento (e sabotaggio) del significato originario del messaggio pubblicitario, tratto caratteristico delle opere di Hogre, peraltro già denunciato a Roma per vilipendio della religione.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Y_Y (@doublewhy_y)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Grimes, la moglie di Elon Musk mostra per la prima volta le “cicatrici aliene” sulla sua schiena

next
Articolo Successivo

Morto Ernesto Brancucci, addio allo storico doppiatore della Disney Ermavilo: è sua la voce di Pumbaa ne “Il Re Leone”

next