E alla fine Al Bano Carrisi si è vaccinato con Pfizer. Era da tempo che il 77enne cantante di Cellino San Marco aveva reso pubblici i suoi dubbi sulle qualità dei vaccini che gli italiani avrebbero potuto farsi inoculare per difendersi dal Coronavirus. Ebbene, Al Bano non è riuscito ad avere una dose di SputnikV, il vaccino russo fortemente consigliato dall’amico Putin non approvato all’uso in Italia, ma almeno ha evitato l’AstraZeneca, comunque consigliato dall’Aifa per gli over 60.

In un’intervista al settimanale Voi ha spiegato: “Mi sono vaccinato il 29 marzo con Pfizer perché le indicazioni mediche per me hanno previsto questa scelta”. Poi riguardo alle disposizione governative sul vaccino anglo svedese ha aggiunto: “Riguardo al blocco di AstraZeneca, penso che in un periodo da terza guerra mondiale come questo, le decisioni del governo hanno un senso logico e vanno rispettate”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Striscia la Notizia, Tapiro d’Oro a Francesco Totti: “Spero che Spalletti non si sia arrabbiato”. Poi la battuta su Ilary Blasi

next
Articolo Successivo

Ascolti tv, la domenica sera di Canale 5 torna a superare RaiUno: ‘Avanti un altro’ batte ‘La compagnia del cigno’

next