Per la seconda volta nella storia della Groenlandia gli ambientalisti hanno battuto i socialdemocratici, e lo hanno fatto battendosi contro l’apertura della miniera di Kvanefjeld, situata a sud della capitale Nuuk davanti le coste canadesi, che a febbraio aveva fatto cadere il governo. Il progetto riguardava una delle maggiori risorse mondiali di uranio e terre rare, due elementi chimici utilizzati per numerose applicazioni tecnologiche civili e militari. Il voto ha premiato i Verdi, che vi si opponevano sostenendo che autorizzare il gigantesco progetto di estrazione di terre rare e uranio avrebbe danneggiato l’ambiente incontaminato dell’isola.

Con il 36,6% dei voti, l’Inuit Ataqatigiit (IA), finora all’opposizione, ha battuto i socialdemocratici di Siumut che dominano la vita politica groenlandese dal 1979. È soltanto la seconda volta, dopo quella del 2009, che i verdi sconfiggono i socialdemocratici. Senza una maggioranza assoluta, lo scenario più probabile è ora che gli ambientalisti si alleino con uno o due piccoli partiti per formare una coalizione di governo. Il leader 34enne Mute Egede ha già annunciato che inizierà subito i colloqui con le altre formazioni. “La gente ha parlato”, ha scritto in un post su Facebook. “La vostra fiducia ci dà una grande responsabilità che ci sforzeremo di soddisfare”, ha aggiunto. Se sarà confermato capo del governo sarà il più giovane primo ministro al mondo, se pure di un territorio autonomo.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eurostat, cala l’aspettativa di vita in tutta l’Ue: ultima la Spagna, perde 1,6 anni di vita. Italia tra i peggiori: -1,2 anni

next
Articolo Successivo

Turchia, Erdoğan non riserva un posto a sedere per von der Leyen durante la visita. Ue: “Presidente sorpresa, non deve ripetersi”

next