Il primo ministro britannico Boris Johnson, dopo il numero in calo di casi in Gran Bretagna, ieri ha annunciato che, passo dopo passo, la Nazione riaprirà: confermata la ripartenza di pub e ristoranti, con servizio all’aperto, tra una settimana. Mentre per i viaggi si dovrà aspettare ancora del tempo: “Speriamo di poter ripartire con i viaggi internazionali dal 17 maggio, ma non voglio dare false speranze o sottovalutare le difficoltà che stiamo vedendo in alcuni dei paesi di destinazione in cui le persone potrebbero voler andare – ha specificato – Non vogliamo che il virus venga reimportato in questo Paese dall’estero. Chiaramente, c’è un’ondata in altre parti del mondo e dobbiamo essere consapevoli di questo, dobbiamo essere realistici”.

Il primo ministro ha poi ringraziato tutti i britanni “della pazienza” e degli “sforzi che stanno pagando”, sottolineando che anche lui, il prossimo lunedì andrà al pub, sempre però nel rispetto delle regole.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tra Australia e Nuova Zelanda al via i viaggi quarantena-free: la “bolla” tra i due Paesi

next
Articolo Successivo

Il Kosovo elegge una presidente donna: è la giurista Vjosa Osmani. “Ragazze, ogni vostro sogno può diventare realtà”

next