Oltre 100 persone risultano morte e decine disperse a causa di una serie di frane e inondazioni che hanno colpito la provincia di East Nusa Tenggara, nell’Indonesia orientale, dopo le piogge torrenziali di domenica. La protezione civile ha riferito che l’accesso all’isola di Adonara, una delle zone più colpite, possibile solo via mare, è reso difficile dalle condizioni meteo proibitive. Si teme che il numero delle vittime sia molto più alto, anche a causa delle scarse informazioni disponibili dovute all’interruzione delle comunicazioni via internet. Il presidente Joko Widodo ha espresso il proprio cordoglio per le vittime. Per le prossime ore, a causa dell’intensificarsi del ciclone tropicale Seroja, che si sta dirigendo verso le regioni sudoccidentali del Paese, sono attese condizioni meteo estreme, con piogge torrenziali, forti venti e mareggiate. A partire da gennaio, l’Indonesia ha registrato almeno 337 morti, a causa di frane e inondazioni dovute alle piogge torrenziali che si sono abbattute sul Paese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giordania, il principe Hamza accusato di complotto: “Non obbedirò agli ordini dei generali, ma resterò fedele al re”

next
Articolo Successivo

New York, centinaia di persone in corteo dopo l’aggressione in strada a una donna asiatica

next