Gli smottamenti e le inondazioni improvvise causati dalle piogge torrenziali nell’Indonesia orientale hanno ucciso almeno 44 persone e provocato migliaia di sfollati. Lo hanno riferito le autorità. Il fango è rotolato giù dalle colline circostanti poco dopo mezzanotte e ha colpito quasi 50 case nel villaggio di Lamenele, sull’isola di Flores, nella provincia di Nusa Tenggara orientale. I soccorritori hanno recuperato 20 corpi e nove feriti, ha detto Raditya Jati, portavoce dell’Agenzia nazionale per la mitigazione dei disastri. Sono stati trovati altri tre corpi di abitanti del villaggio spazzati via da inondazioni improvvise nel villaggio di Oyang Bayang.

In un altro villaggio, Waiburak, quattro sono rimasti feriti e due sono dispersi quando le piogge notturne hanno fatto esondare i fiumi, che hanno invaso di acqua fangosa vaste aree del distretto di East Flores. Centinaia di persone sono fuggite da case sommerse, alcune delle quali sono state spazzate via da inondazioni, ha detto Jati. Centinaia di persone sono state coinvolte nei soccorsi, ma la distribuzione di aiuti e soccorsi è stata ostacolata da interruzioni di corrente, strade bloccate e la lontananza dell’area, circondata da acque agitate e onde alte.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Londra, messa illegale per Pasqua: la polizia fa irruzione in chiesa e interrompe la funzione: “Andate a casa o vi dovremo dare la multa”

next