Scoperta la “razzista” di corte preoccupata del colore della pelle del principino Archie. Secondo Lady Colin Campbell, storica biografa di Lady D e della regina Elisabetta, la vocina che ha fatto andare su tutte le furie Meghan e Harry è quella della zia Anna. La principessa 70enne, unica figlia femmina di Elisabetta e Filippo, avrebbe espresso le sue preoccupazioni sul possibile pigmento scuro del nipote in maniera non del tutto velata, tanto da diventare uno dei motivi scatenanti della fuga dalla corte reale dei due (ex) duchi del Sussex. “Quando ero incinta di Archie, qualcuno a corte si chiedeva quanto sarebbe stata scura la sua pelle”, questa la frase di Meghan Markle rilasciata durante la lunga intervista ad Oprah Winfrey che ha scatenato un putiferio e gettato un’ombra di malcelato razzismo tra la “bianchissima” corte britannica.

Lo zio William era stato l’unico della royal family ha bofonchiare mezza parola per gettare acqua sul fuoco: “Non siamo una famiglia razzista”. Poi i tabloid si sono scatenati ed esclusi Elisabetta e Filippo ecco la prima possibile sospettata. Questo almeno è ciò che ha dichiarato nel suo podcast Lady Colin Campbell. “Quando i Sussex hanno raccontato quell’episodio si riferivano alla principessa Anna”, anche se, ha aggiunto “in verità la figlia della sovrana è stata fraintesa, il colore della pelle non c’entra nulla. La sua preoccupazione riguardava l’incapacità di Meghan di adattarsi al ruolo, il suo background lontano dai protocolli di Palazzo, vedeva dei rischi all’orizzonte”.

Ancora: “Pensava che la duchessa non avrebbe avuto rispetto dell’istituzione e immaginava che, se dal matrimonio con Harry fosse arrivati dei figli, si sarebbero creati enormi problemi”. Insomma, lo scoop della Campbell potrebbe essere la classica toppa peggio del buco. Anna della pelle scura di Archie se n’è lamentata ma per riferirsi ad altro? Curioso carpiato verbale. Il dubbio sulla corte inglese razzista, per ora, rimane.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Striscia la Notizia, scoppia la lite tra le veline: “Ma che ca**o vuoi da me?”, “Io me ne vado!”

next
Articolo Successivo

Max Pezzali: “Mi piaceva Padma Lakshmi, con lei a Pantelleria serate belle. Poi ha sposato Salman Rushdie”

next