“Diciamocelo, cari Giurati del Premio David di Donatello: questa ennesima volta (è dal 2003 che snobbate il mio lavoro), l’avete fatta grossa. A perdere non sono io, ma la vostra credibilità, smarrita peraltro da tempo. Farò il tifo per Micaela Ramazzotti e Claudio Baglioni”. Questo è lo sfogo pubblicato su Twitter dal regista Gabriele Muccino, che ha commentato così le candidature annunciate per i David di Donatello 2021 nelle quali non compare il suo ultimo film “Gli anni più belli”. La pellicola compare solo grazie all’attrice Micaela Ramazzotti, in lista come miglior attrice protagonista, e a Claudio Baglioni in corsa per la miglior colonna sonora.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Enrico Vaime morto, addio all’autore che dettava le battute a Chiari e Villaggio e duettava con Costanzo

next
Articolo Successivo

Michelle Hunziker: “Dicevano che ero una iena ridens e che ero posseduta da Satana. Non uscivo più di casa”

next