Da mesi le 29 famiglie residenti sotto il viadotto Bisagno dell’A12, riunite nel comitato ‘Abitanti sotto il ponte’ chiedono di essere messe in sicurezza e trasferite: “Non vogliamo indennizzi economici, ma soluzioni alternative e definitive”. Avevano dimostrato con foto e video, fin dal dicembre 2019 lo stato di degrado del ponte che sovrasta il Bisagno e il centro abitato delle Gavette, a Genova. Sempre nell’ottobre di due anni fa, la direzione di Autostrade annunciava con un comunicato l’avvio del montaggio dei ponteggi sul viadotto Bisagno per il restauro della superficie dell’intero viadotto “La durata dei lavori prevista è di circa due anni”, scriveva la direzione di tronco. Passato quel periodo, l’unica cosa realizzata sono proprio i ponteggi sui primi tre piloni, che, però, perdono pezzi, che vanno ad aggiungersi alla caduta di detriti e calcinacci dei piloni sottostanti.

“Su quelle impalcature raramente si intravvedono operai o addetti ai lavori” si lamentano i residenti del quartiere sottostante: “Ma il culmine si è toccato con la caduta dall’altezza di 75 metri di passerelle di ferro direttamente sulle nostre case” spiega la presidente del comitato Chiara Ottonello. Dopo la caduta di cinque passerelle del peso di 25 chili sull’abitato sottostante, con rischio di ferire gravemente passanti e danneggiare auto e case, la partecipata di Aspi Pavimental, che segue i lavori, ha chiesto scusa con una nota ufficiale e rescisso il contratto con “Sadis”, l’appaltatrice responsabile dei ponteggi. “Sarà valutata – si legge – l’opportunità di attivare nei confronti della medesima società ulteriori misure legali in danno, proprio a seguito di quanto accaduto”. Inoltre, hanno assicurato, “la direzione di Tronco di Genova di Aspi si è immediatamente attivata con la società per le opportune e immediate verifiche e azioni circa l’accaduto e potenzierà ulteriormente tutti i presidi di supervisione sulle attività”. Lo scorso 16 marzo è stato anche sollevato dall’incarico il coordinatore della sicurezza. Nei giorni successivi, per tutelarsi ulteriormente, alcuni operai di Pavimental hanno affisso dei cartelli di fronte alle abitazioni con l’indicazione, piuttosto inquietante “di avvisare telefonicamente il responsabile del cantiere” qualora si intenda uscire di casa in determinati orari “per evitare rischi connessi all’eventuale caduta di oggetti”.
La caduta delle passerelle che collegano tra loro i ponteggi è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso: “Non ne possiamo più – si sfoga Chiara Ottonello – non solo hanno danneggiato le case, ma una ha colpito una persiana dietro alla quale c’era una ragazza collegata in didattica a distanza, avesse avuto la finestra aperta in quel momento sarebbe stata una tragedia. Non capisco come il Sindaco possa tollerare che sia messa a rischio in questo modo la pubblica incolumità dei cittadini”. Ma la delusione dei residenti non si limita alla sensazione di abbandono nei confronti dell’amministrazione locale, che non riesce a incidere sulla vicenda, né all’assessorato competente in Regione (“Giampedrone ha parlato di ‘ipotesi di trasferimenti temporanei, ma noi qui non vogliamo tornarci neanche quando, chissà dopo quanti anni, i lavori saranno terminati”) ma coinvolge anche il ministero dei Trasporti: “L’allora ministra Paola De Micheli a settembre arrivò a dichiarare pubblicamente di aver trovato una soluzione – Chiara Ottonello riguarda sbalordita il video con la dichiarazioni alle quali non è seguito alcun fatto – addirittura arrivò a dire che ci avrebbero trasferito in pochi giorni, non ci hanno neppure chiamato per ipotizzare la cosa, e sono passati sei mesi”.

Gli abitanti hanno paura e non sono interessati a indennizzi o altre forme di rimborso: “Non vogliamo soldi, vogliamo essere trasferiti e anche urgentemente, perché siamo stufi delle promesse delle istituzioni e di Autostrade, questo ponte è pericoloso per chi ci vive sotto e il cantiere sospeso a 60 metri dalle nostre teste ancora di più”. Intanto, dopo l’esposto del “Comitato degli abitanti sotto il ponte Bisagno” la Procura apre un inchiesta per “getto pericoloso di cose” che si basa sul dossier di due anni di incidenti prodotto dagli abitanti, ma potrebbe allargarsi ad altri fatti più rilevanti. L’intervento di restyling del viadotto è gestito dalla controllata di Autostrade Pavimental che a seguito degli ultimi incidenti ha sollevato dall’incarico l’azienda esterna alla quale aveva affidato l’allestimento dei ponteggi, sostituendo il responsabile della sicurezza di cantiere e affidando il ruolo al Rina. Se oggi è impossibile anche solo immaginare di costruire un viadotto sopra delle abitazioni, questo veniva fatto sistematicamente negli anni Sessanta e Settanta, quando la Liguria è stata disseminata di ponti autostradali, anche per questo motivo la Società Autostrade esprime perplessità circa l’ipotesi di un trasferimento (a sue spese) dei residenti delle Gavette, questo rappresenterebbe un precedente che potrebbe essere impugnato da chiunque abiti sotto i viadotti, più o meno deteriorati, della rete autostradale.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

L’azienda di Anagni che infiala Astrazeneca e le spedizioni verso la sede Usa di “carichi di ferro e acciaio”: la società nega, ma c’è un documento segnalato all’Agenzia delle Dogane

next