“Le chiusure sono pensabili o impensabili solo in base ai dati che vediamo” sui contagi. “Le misure hanno dimostrato nel corso di un anno e mezzo di non essere campate per arie. È desiderabile riaprire, la decisione se farlo o meno dipende dai dati.” Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in conferenza stampa rispondendo a una domanda sulle parole di Matteo Salvini. Con un post sui Facebook il leader della Lega ha criticato la decisione di prolungare le chiusure al 30 aprile: “È impensabile tenere chiusa l’Italia anche per tutto il mese di aprile. Nel nome del buonsenso che lo contraddistingue – e soprattutto dei dati medici e scientifici – chiediamo al presidente Draghi che dal 7 aprile, almeno nelle regioni e nelle città con situazione sanitaria sotto controllo, si riaprano (ovviamente in sicurezza) le attività chiuse, a partire da ristoranti, teatri, palestre, cinema, bar, oratori, negozi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Draghi: “Operatori sanitari non vaccinati? Non va bene, governo intende intervenire. Ministra Cartabia sta prendendo provvedimenti”

next
Articolo Successivo

Sputnik, Draghi: “Attenzione a stipulare contratti, se va bene disponibile nella seconda parte dell’anno”. Speranza: “Aspettiamo Ema e Aifa”

next