“Siamo sottoutilizzati”. A Iseo, in provincia di Brescia, le sedie del centro vaccinale ospitato nella palestra della città sono rimaste vuote: per il secondo giorno di seguito sono state convocate soltanto 120 persone a fronte di una capacità di oltre 800. E così nel palazzetto dove giocava la squadra di basket locale è stata attivata soltanto una delle otto linee possibili. È l’ennesimo flop della campagna vaccinale lombarda, dopo i disagi dei giorni scorsi a Cremona, Como, Monza e Varese, dove il personale è stato costretto a chiamare i pazienti uno per uno al telefono. Anche qui sulle rive del lago, Il problema non sono i vaccini che mancano “ma la gestione delle convocazioni – racconta il sindaco Marco Ghitti dopo aver ringraziato i volontari, i medici e gli infermieri che lavorano in questo centro – avere una potenzialità tale e vedersi sottoutilizzati sicuramente non fa piacere né a me né ai miei concittadini”.

E se il presidente della Lombardia Attilio Fontana ha scaricato tutte le responsabilità su Aria, chiedendo le dimissioni in blocco del consiglio d’amministrazione (cosa avvenuta oggi), in realtà i malfunzionamenti derivano anche da una serie di scelte prese da lui, insieme alla sua vice Letizia Moratti e a Guido Bertolaso. Inizialmente, infatti, le intenzioni di Moratti e Bertolaso sono quelle di affidarsi a Poste Italiane per la gestione delle convocazioni degli anziani. A febbraio però è la stessa società di Poste ad ammettere di non essere in grado di adattare il proprio sistema nei tempi sperati. Nonostante questo, forse per la pressione mediatica, i vertici regionali decidono di anticipare al 18 febbraio l’inizio delle somministrazioni agli over 80, e affidarsi ad Aria pur senza avere i tempi necessari per l’adeguamento del sistema informatico delle prenotazioni. Per questo ancora oggi le agende con gli appuntamenti vengono fatte con la compilazione di file excel non integrati nella piattaforma: Ecco la ragione del caos di questi giorni. E delle immagini dei palazzetti deserti.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“A Pasqua la solidarietà non si ferma”: Bruno Barbieri e Raffaella Pannuti consegnano uova e colombe per aiutare i malati di tumore – Video

next
Articolo Successivo

Castel Romano, iniziato lo sgombero del campo rom. I residenti: “Mandati via con la forza, qui ancora 500 persone” – Video

next