La Procura di Modena indaga per sequestro di persona a carico di ignoti sulla scomparsa di Alessandro Venturelli, ventenne allontanatosi dalla sua casa di Sassuolo il 5 dicembre scorso. A darne notizia la trasmissione ‘Chi l’ha visto’, che segue il caso dall’inizio, con un post su Facebook. Del giovane di 20 anni non si hanno più notizie dalle 15,30 di quel 5 dicembre quando, appunto, si è allontanato dalla sua abitazione senza fare più rientro. Come riferisce Chi l’ha visto, il 20enne ha con sé i documenti, ma non il cellulare.

L’ultimo aggiornamento è stato dato dalla trasmissione: due spettatrici hanno inviato alla redazione delle foto scattate alla stazione centrale di Milano il 18 febbraio. Negli scatti si vedono due giovani con la mascherina: uno somigliante ad Alessandro, l’altro simile a un altro giovane scomparso in Emilia-Romagna, da Piacenza, Stefano Barilli. Le due famiglie da allora seguono insieme le ricerche ventilando la possibilità che, anche se i due non si conoscevano, le loro scomparse siano in qualche modo collegate, anche se gli inquirenti sono cauti su quest’ipotesi.

Tutte le piste sono aperte, evitiamo di condizionare le segnalazioni. Chiunque possa individuare in un ragazzo Alessandro non sia condizionato dalla pista della psicosetta”, dice all’ANSA l’avvocato Barbara Iannuccelli, che assiste la famiglia del ventenne.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Sileri: “L’estate? Mi immagino di andare in spiaggia senza mascherina”

next
Articolo Successivo

Covid, Cartabellotta (Gimbe): “Conflitto tra Stato e Regioni si è scaricato sugli strati di popolazione economicamente più debole”

next