“Se non avete un personal computer o la rete a casa venite da noi”. Ad invitare i bambini e i ragazzi bolognesi che fanno fatica a fare la didattica a distanza dalla propria abitazione sono il cardinale Matteo Zuppi. Se le aule chiudono, le parrocchie aprono. Dalla settimana prossima venti preti della città e altri diciotto del territorio provinciale cominceranno a dare la possibilità ai bambini e ai ragazzi senza Giga e device, di collegarsi con i loro insegnanti dalle canoniche. Un’iniziativa condivisa anche dal centro sociale Tpo.

Il progetto è stato promosso dall’ufficio della pastorale scolastica e dall’Agesci che coordinerà i gruppi degli allievi. Un’occasione per vincere la solitudine o la difficoltà di studio grazie a persone, adulti e giovani, disponibili ad aiutarli. Nel rispetto dei protocolli sanitari e del distanziamento, con questo progetto, la diocesi e gli scout cercano di essere di aiuto ai bambini e ai giovani. “Pur nelle difficoltà della pandemia – spiegano gli organizzatori – ci impegniamo per loro: l’antidoto all’indifferenza è fare scelte di concretezza per aiutarsi, tutti e insieme”.

Una risposta concreta ad un invito che la conferenza episcopale dell’Emilia-Romagna, aveva fatto già a gennaio: “Le nostre comunità cristiane, che in quest’ultimo anno si sono rese ancora più creativamente vicine alle persone colpite dalla pandemia, avvertono – scrivevano i vescovi – con particolare forza la criticità di questa situazione e potrebbero intensificare questa vicinanza, favorendo l’alleanza educativa, più volte richiamata dal Papa, fra famiglie, scuole e studenti”.

La disponibilità messa in campo dalla Chiesa emiliano-romagnola rientra nei “patti di comunità” da condividere con enti locali e associazioni di volontariato, sulla base dell’esigenza degli studenti e delle scuole. Ma non solo le parrocchie hanno teso la mano ai bambini e ai ragazzi in difficoltà.

Anche al centro sociale “Teatro polivalente occupato” hanno aperto le porte per accogliere gli studenti che faticano a fare lezione a casa per diversi motivi: “Da sempre – spiega Christopher Ceresi – abbiamo attivo un dopo scuola che coinvolge circa 45 ragazzi e bambini della primaria e della secondaria di primo grado. Andando a distribuire i pacchi alimentari con le brigate del muto soccorso, ci siamo accorti che molte famiglie avevano dei seri problemi a far fare didattica a distanza ai loro figli”.
Al Tpo abbiamo capito che i problemi per questi alunni erano diversi: “Non è solo una questione di device che mancano. A volte questi ragazzi non hanno lo spazio fisico e psicologico per concentrarsi. A quel punto abbiamo pensato di mettere a disposizione la nostra connessione e di far venire al centro chi abita più vicino. Abbiamo iniziato in questi giorni e aumentano sempre più quelli che arrivano a fare lezione online al Tpo”. Ceresi lancia anche un appello: “Se avete dei computer portateceli. Servono a questi ragazzi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, col decreto Sostegni niente più decurtazione di permessi per il personale che si assenta per la vaccinazione anti Covid

next
Articolo Successivo

Didattica a distanza, le proteste in 34 città per le lezioni in presenza: “Il governo deve trovare un’alternativa alla chiusura”

next