I medici e gli infermieri del Policlinico Sant’Orsola di Bologna hanno “vegliato giorno e notte” sulla bambina di 11 anni intubata in terapia intensiva a causa del Covid. E oggi è arrivata finalmente la bella notizia: “Dopo essere stata ricoverata in pericolo di vita“, ha annunciato su Facebook l’ospedale, “ha reagito alle cure ed è uscita dalla terapia intensiva”. La vicenda, in queste settimane, è stata tenuta il più riservata possibile a causa della minore età della paziente e per la gravità del caso. Fino a questa mattina, quando il personale sanitario ha potuto annunciare l’uscita dalla rianimazione: “Le notizie che fanno bene. Le notizie che ci aiutano ad andare avanti”, si legge nel post pubblicato su Facebook. “Noi ci abbiamo sperato, ci abbiamo provato, ci abbiamo creduto. Abbiamo vegliato su di lei, l’abbiamo accarezzata, le abbiamo fatto ascoltare la sua musica preferita, le abbiamo parlato. Il nostro lavoro è non lasciare mai soli i pazienti”. La piccola è stata assistita, spiegano “giorno e notte, senza pausa dai dispositivi di protezione per bere, mangiare e riposare, controllando i parametri vitali, sempre pronti a intervenire”.

Le notizie che fanno bene ❤

Le notizie che ci aiutano ad andare avanti, la bambina di 11 anni, ricoverata al…

Pubblicato da Policlinico di Sant’Orsola su Sabato 20 marzo 2021

Per il Policlinico Sant’Orsola di Bologna la situazione è molto critica da settimane: la città è zona rossa dal 4 marzo scorso e i contagi sono in continua crescita causando una forte pressione sugli ospedali. Al Sant’Orsola “continuiamo con determinazione il nostro lavoro di squadra per la cura di tutti i pazienti”, spiega sempre l’ospedale sulla sua pagina Facebook. “402 i posti letto dedicati al Covid allestiti al Sant’Orsola, di questi 100 di area critica, terapia intensiva e semi intensiva. Lo sforzo è pesantissimo per gli operatori e per l’organizzazione. In tutta Bologna e provincia sono 1.300 i posti letto Covid, come se tutti i 32 padiglioni del Policlinico di Sant’Orsola fossero un grande Covid Hospital“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Vaccinazione Covid, verso il coinvolgimento del 118 per immunizzare a domicilio i fragili e non autosufficienti

next
Articolo Successivo

Vaccinazione Covid, caos a Cremona, Como, Monza e Varese. Aria non invia gli sms. Il personale costretto a convocare d’urgenza le persone

next