“Credo nella vaccinazione anti-Covid e farò la seconda dose”. Simona Riussi, moglie di Sandro Tognatti, l’insegnante di musica di 57 anni di Biella morto il giorno dopo aver ricevuto la prima dose di AstraZeneca, ribadisce la sua fiducia nel vaccino: “Mi sembra l’unico modo per vincere il Covid”, spiega in un’intervista pubblicata oggi dal quotidiano La Provincia pavese. Martedì è arrivato il responso dell’autopsia disposta dalla procura di Biella per accertare le cause del decesso del 57enne: per ora non è emerso nessun segno che permetta di collegare la morte alla vaccinazione. “Credo nel vaccino, ma nello stesso tempo vorrei conoscere la causa della morte di mio marito”, spiega Simona Riussi.

Nata a Garlasco, 55 anni, la donna racconta nell’intervista che lei e il marito sono stati vaccinati nel pomeriggio di sabato 13 marzo. “Io non ho avuto nemmeno una linea di febbre. Mio marito durante la notte ha accusato una febbre molto alta, sino a 39.5. La domenica mattina è sceso per bere il caffè con i suoi genitori, che vivono vicino a noi. Poi è salito in mansarda a riposarsi. L’ho chiamato al cellulare ma non rispondeva”. Simona Riussi a quel punto è corsa subita dal marito e ha visto che non respirava. Ha provato prima lei da sola a rianimarlo, poi con l’aiuto degli operatori del 118. Ma non c’è stato nulla da fare.

Consiglio a tutti di vaccinarsi, l’ho già detto più volte”, afferma la vedova del clarinettista, che già a Repubblica aveva raccontato: ““Mio marito credeva nel vaccino e bisogna continuare a crederci perché è l’unica strada che ci può liberare da questa situazione”. A La Provincia pavese aggiunge: “Non sono un medico: è solo un comportamento che ritengo giusto a prescindere dalla tragedia di mio marito”. Un morte su cui la procura ha aperto un fascicolo d’indagine per omicidio colposo, al momento contro ignoti, e il procuratore Teresa Angela Camelio ha disposto il sequestro “in via cautelativa” del lotto a cui apparteneva la dose somministrata all’insegnante.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massimo Galli: “Mai chiesto o percepito compensi per interviste ai giornali e in tv”

next
Articolo Successivo

Covid, Crisanti: “Scudo penale per i medici? Come ammettere la pericolosità del vaccino. Non c’è bisogno”

next