Felpa dei Nirvana, piedi e tacco rosso in bella mostra appoggiati sulla scrivania, dita e sguardo sullo smartphone. Il tutto dall’ufficio di ministro delle Politiche Giovanili. Fabiana Dadone stupisce gli italiani mostrandosi in una foto molto poco istituzionale nonostante il contesto. Su Facebook lo scatto dell’ex ministra del Conte 2 alla Pubblica Amministrazione, oggi nell’interregno Draghi alle Politiche Giovanili, ha raccolto in 24 ore, quelle celebrative dell’8 marzo, ben 21mila like. E il commento alla foto sottolinea proprio l’atipicità del gesto in concomitanza con la festa della donna. “Ho 37 anni e sono una “ragazzina” (per questo Paese) ma faccio il Ministro, non sono sposata ma scelgo ogni giorno di stare col mio compagno, ho due figli bellissimi che portano il mio cognome pur non essendo ragazza madre, amo la musica rock pesante ma non mi vesto in maniera “alternativa”, guardo film strappalacrime ma sono emotivamente fredda come il ghiaccio”, spiega Dadone.

Sono un ammasso di stereotipi e nel corso della vita mi è stato fatto notare molte volte. Cara Fabiana, sei così giovane come puoi essere un Ministro? La politica non si addice di più agli uomini? Chi si occupa dei tuoi figli quando sei a Roma? Non sei troppo bassa rispetto a come la TV ti fa apparire? Non sei troppo graziosa per essere presa seriamente? Non sei troppo trascurata nell’abbigliamento per ricoprire ruoli istituzionali?”, elenca retoricamente la ministra. “In questa giornata tanto evocativa e tanto attenta al politically correct, vorrei dire con molta onestà che sul fronte della parità di genere c’è ancora molta strada da fare. Una strada in salita e piena di ostacoli culturali che dobbiamo avere la forza di affrontare con tutta la tenacia che abbiamo nel cuore”.

Le iniziative della ministra Dadone non si sono fermate alla foto anticonformista dell’8 marzo perché nel suo ruolo chiave rivolto ai giovani italiani qualche giorno addietro aveva effettuato una diretta streaming molto particolare. Dal suo account Twich (una piattaforma incentrata sul gaming e gli eSports) ha intervistato Riccardo “Reynor” Romiti, il 18enne campione del mondo di Starcraft 2. Un incontro di una mezzoretta dove Dadone, deputata dal 2013 per il Movimento 5 Stelle, si è informata su ogni possibile dettaglio della carriera di Romiti e sugli eSports che dovrebbero avere una dimostrazione non competitiva per le medaglie alle Olimpiadi di Tokyo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Harry e Meghan, il premier britannico Johnson: “Ho sempre avuto la massima ammirazione per la Regina e il ruolo che svolge nel nostro Paese”

next
Articolo Successivo

Clicca su un link e si ritrova con 19 mila euro in meno sul conto corrente: attenzione alla nuova truffa via sms

next