Nove studenti italiani su dieci rischiano di tornare alla didattica a distanza già dalla prossima settimana. Il dato emerge da un’analisi di Tuttoscuola, supportata dai dati della Fondazione Gimbe, secondo la quale durante questa settimana il 90,1% degli 8,5 milioni di alunni delle scuole statali e paritarie dovrà tornare alla didattica a distanza, come previsto dal nuovo Dpcm, a causa della nuova impennata di contagi che ha colpito gran parte del territorio italiano. Si tratta di oltre 7,6 milioni di studenti che potrebbero non recarsi più nelle scuole che da lunedì 7 marzo dovranno essere chiuse nelle aree con più di 250 contagi settimanali su 100mila abitanti. Da lunedì, intanto, i ragazzi che seguiranno le lezioni da casa saranno già 5,7 milioni.

Nello specifico, secondo i calcoli, potrebbero essere dunque 7.668.000 gli alunni di scuole statali e paritarie, su un totale di 8.506.000, costretti a seguire le lezioni a distanza. I dati comprendono anche circa 1.235.000 bambini di scuola dell’infanzia esclusi dalle attività educative in presenza a scuola. Le regioni interessate da questa chiusura totale che andrebbero ad aggiungersi alle situazioni già note sono il Lazio con 821.329 alunni, il Veneto con 680.096, l’Emilia-Romagna con 620.423, il Piemonte con 573.231 e la Toscana con 504.616. Mentre si potrebbero salvare da questa chiusura totale la Sicilia (indice a 142) con 615.891 alunni a scuola, la Val d’Aosta (indice 113) con 15.552 e la Sardegna (indice 61) con 207.286 alunni.

In questo scenario, complessivamente vi sarebbero 838.712 (9,9%) alunni in presenza a scuola e 7.668.053 (90,1%) che dovranno seguire le lezioni a distanza, con la consueta alternanza del 50% per gli studenti delle superiori nelle regioni in cui è consentito. Del 9,9% di studenti che potranno frequentare la scuola in presenza, 158.097 sono bambini delle scuole dell’infanzia (l’11,3%), 287.948 alunni della scuola primaria (l’11%), 191.336 studenti della scuola secondaria di I grado (l’11,2%) e, parzialmente in alternanza al 50%, 201.331 i ragazzi delle superiori (il 7,2%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fiorello e Amadeus, vi capisco: senza pubblico dal vivo è dura. Noi lo diciamo da un anno

next
Articolo Successivo

Didattica a distanza, la mappa regione per regione. Caos sulle lezioni in presenza per i figli dei lavoratori essenziali: per il Miur sono esclusi

next