Se due milioni di dischi vi sembrano pochi. Michele Zarrillo, romano, 63 anni, un pop d’amore e di cuore, delicatissimo, che a Sanremo deve parecchio, senza aver mai raccolto chissà che. “Cinque giorni che ti ho perso”, cantava addolorato nel 1994. Due anni dopo rincarava la dose con un testo meraviglioso e minimale, metaforico e cocciantian/baglioniano come L’elefante e la farfalla. Poi ancora La notte dei pensieri e degli amori che rimane impressa specie nel ritornello come la lezione da vero autore popolare vuole.

Emotivo, riservato, mai tendente all’esuberante, Zarrillo è quello che nelle foto di classe trovi sempre un po’ spento ma mai abbattuto del tutto nell’angolo in alto a destra: “La memoria è il mio punto debole – dice – dopo 26 anni nei concerti il testo di Cinque giorni lo devo ancora leggere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival di Sanremo 2020, Giordana Angi la cantautrice amata da Tiziano Ferro e Alberto Urso

next
Articolo Successivo

Sanremo 2020, i Ricchi e Poveri tornano al Festival dopo 50 anni: 8 cose che (forse) non sapete su di loro

next