Se due milioni di dischi vi sembrano pochi. Michele Zarrillo, romano, 63 anni, un pop d’amore e di cuore, delicatissimo, che a Sanremo deve parecchio, senza aver mai raccolto chissà che. “Cinque giorni che ti ho perso”, cantava addolorato nel 1994. Due anni dopo rincarava la dose con un testo meraviglioso e minimale, metaforico e cocciantian/baglioniano come L’elefante e la farfalla. Poi ancora La notte dei pensieri e degli amori che rimane impressa specie nel ritornello come la lezione da vero autore popolare vuole.

Emotivo, riservato, mai tendente all’esuberante, Zarrillo è quello che nelle foto di classe trovi sempre un po’ spento ma mai abbattuto del tutto nell’angolo in alto a destra: “La memoria è il mio punto debole – dice – dopo 26 anni nei concerti il testo di Cinque giorni lo devo ancora leggere”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival di Sanremo 2020, Giordana Angi la cantautrice amata da Tiziano Ferro e Alberto Urso

next
Articolo Successivo

Sanremo 2020, i Ricchi e Poveri tornano al Festival dopo 50 anni: 8 cose che (forse) non sapete su di loro

next