Dopo una finale all’ultimo piatto Masterchef Italia ha incoronato il vincitore della decima edizione: è Francesco Aquila. Il 34enne cuoco amatoriale pugliese ma residente a Bellaria-Igea Marina, in Romagna, ha convinto i tre giudici, Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli con il suo menù basato sul “passato, il presente e il futuro”. A sfidarlo nel cooking show di Sky prodotto da Endemol Shine Italy, la 22enne romana Irene Volpe e il 25enne dottorando in chimica alimentare di Novara, Antonio Colasanto.

La sfida finale è risultata equilibratissima e avvincente, ma Aquila, così è stato chiamato il concorrente fin dalle prime puntate, è riuscito a sorprendere i giudici con i piatti portati in tavola, dove ha dimostrato tutto l’amore per le sue origini, i suoi genitori e sua figlia. Pilastri che lo hanno guidato nel corso di tutta l’avventura. Il 34enne, maître di sala e docente di sala, ha intitolato il suo menù completo “My Way”: “La vita si divide in tre tempi: il passato, il presente e il futuro. Questi, anche se apparentemente diversi, hanno una cosa in comune: il tempo, che ho da sempre cercato di non perdere, in famiglia e in amore e soprattutto nella mia realizzazione”, ha spiegato il concorrente. Ecco le proposte: l’antipasto “Tavola pronta” con funghi cardoncelli, stracciatella, borragine, pane, peperone crusco, origano e sfera di gazpacho pugliese; il primo “La Nina, la Pinta e la Santa Maria”, gyoza con ventresca di tonno, ‘nduja e finocchietto, con crema di patata viola, aglio nero e cime di rapa; il secondo “Finestra sul sogno n’capriata di Wagyu”, filetto di Wagyu in consistenze diverse, con fave alla vaniglia, cicoria, puntarelle, porro bruciato, germogli e fiori; il dessert “Scarcedda n’uovo”, una scarcedda – dolce pugliese tipico del periodo di Pasqua – al cocco con finto uovo di Malibù e frutti esotici.

Immagini concesse da Sky, MasterChef Italia è sempre disponibile on demand

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili