Professoressa Matilda De Angelis: 7+. Nella gelida prima serata sanremese la lezione sul bacio dell’attrice bolognese riscalda l’anima degli spettatori addormentati e dona un minimo di piacere a mezza Italia oramai ritornata in zona rossa e frastornata da un anno di distanziamento sociale. De Angelis ha così intrattenuto, bacchetta, lavagna e piglio sensuale, il pubblico e Amadeus con un breve excursus sul bacio. Prima il celebre scatto di Alfred Eisenstaedt, marinaio e donzella in piena Time Square per festeggiare la fine della seconda guerra mondiale. Scatto fotografico che in molti ricordano più dovuto agli effluvi dell’alcool che alla potenza dell’amore, ma tant’è…

La De Angelis ha attratto verso di sé, voce calda e suadente, spettatori e presentatore, nel vortice di un erotico intermezzo. Ecco allora Von Kempelen e le tre categorie sonore del bacio: il bacetto, il bacio con lo schiocco, il bacio caloroso. La ragazza chiede ad Amadeus di fare un esempio in solitaria per ognuna delle categorie ed ovviamente lo boccia ogni volta. Poi alla fine dello sketch Amadeus tenta scherzosamente il tutto per tutto, chiedendo una prova pratica con l’insegnante Matilda, sporgendosi con la boccuccia verso di lei. Ma la professoressa del bacio lo rifiuta con una battuta che resterà negli annali: “Ma smettila! Oltretutto sei molto nasuto e molto sposato”. Campanella. Lezione finita. “Ma quello che non deve finire è la speranza: non importanti chi bacia chi e come, importa solo che torniamo a baciarci presto”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2021, la moglie di Amadeus Giovanna Civitillo travolta dalle critiche sui social: “Raccomandata”

next