Rita Dalla Chiesta attraverso il proprio profilo Twitter si è scagliata contro il noto vignettista ed opinionista Vauro Senesi. Solo che la conduttrice romana è stata tratta in inganno da una foto che risaliva al 2018 e precisamente a quando l’allora ministro dell’ Interno Matteo Salvini decise di indire un censimento dei rom e il vignettista pubblicò una sua foto con scritto “Anche io sono italiano, purtroppo” accompagnato da un post che recitava: “Salvini discrimina anche tra cittadini italiani. Se potete postate una vostra foto con questa scritta”. Probabilmente per sfruttare l’onda lunga della polemica legata a Giorgia Meloni, qualcuno ha deciso di riprendere quell’immagine, chiedendo agli altri utenti cosa ne pensassero di Vauro Senesi. A quel punto è intervenuta Rita Dalla Chiesa: “Era italiano anche mio padre e chi, come lui, con le loro morti hanno permesso che tu potessi scrivere certe ca**ate senza che nessuno ti prenda a calci. Cambia nazionalità, così salvi la tua libertà d’espressione. E noi avremo un ‘italiano’ come te in meno”, ha scritto su Twitter.

Si è così aperta una vera e propria discussione sul conto di Vauro: “Io lo detesto” , ha commentato un utente mentre un altro si è lasciato andare a qualche indicazione: “Gli consiglio un biglietto di sola andata verso un qualche paese comunista, regime che a lui piace tanto, come Cina o Corea del Nord. Sarà felice lui e soprattutto noi, che festeggeremo pure”. Finché qualcuno le ha fatto notare che si trattava di un post vecchio: “Prendere una foto di Vauro di 3 anni fa che aveva un senso ben preciso e sbatterla oggi sui social per attaccarlo.. Rita mi permetta di dirle che non dovrebbe cadere in queste trappole social” . Lei ha risposto: “Purtroppo le idee di Vauro non cambiano. Peccato, perché è una persona intelligente”. E ancora un utente: “Signora Rita Dalla Chiesa non credevo fosse così… augurare in tal modo… Mi ricredo sulle sue potenzialità interiori”. “Pazienza, mi scusi”, ha tagliato corto la conduttrice.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili