Balli, manovre pericolose e segni dello “shaka“, cioè, per capirci, il gesto “dei giovani”, legato alla cultura del surf, fatto con pollice e mignolo alzati. Il tutto ripreso mentre era alla guida dell’autobus e poi condiviso sul suo profilo di Tik tok, corredato da emoticon sorridenti e commenti gioiosi. Una dipendente dell’Atac di Roma è stata sospesa in via cautelare, senza stipendio. A riportarlo il Messaggero che sottolinea come la donna, classe 1983, rischi ora il posto di lavoro.

La conducente lavora per l’azienda da circa un anno e sul canale social dove pubblicava tutti i suoi video aveva poco più di 5mila follower. Un numero sufficiente per avvertirla però che quello che stava facendo, e cioè i video mentre si è alla guida con azioni anche pericolose, erano illeciti. In molti infatti sotto alle brevi clip commentavano mettendola in guardia e cercando di farla smettere: “Ci fai pure la simpatica? Poi succedono incidenti e ti credo”. E ancora: “Io tuoi video sono passabili di denuncia visto l’uso del cellulare alla guida di un mezzo pubblico”. Insomma, avvertimenti ai quali però lei rispondeva con faccine sorridenti, o con brevi frasi, quasi deridendoli. Non mancavano infatti i commenti “positivi”, e cioè i veri follower che la applaudivano per i video pubblicati.

In uno si legge sempre su Il Messaggero, ad esempio, la conducente preme l’acceleratore arrivando a sfiorare gli archi parapedonali al lato della strada. In un altro, invece, “gioca” con le porte del mezzo pubblico, aprendole e chiudendole ripetutamente. Insomma un “divertissement” per la donna che però ora rischia il posto di lavoro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili