L’età mediana dei casi affetti da Covid è “in diminuzione” e dall’altra parte c’è un “aumento di focolai nelle scuole che potrebbe essere conseguenza della presenza di varianti”. È quanto ha spiegato il direttore generale Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza durante l’ultima conferenza stampa sull’andamento settimanale dell’epidemia. Secondo Rezza bisogna “tener conto” dei focolai nelle scuole, tanto che, dove ci sono o dove “c’è presenza di varianti ad alta trasmissibilità soprattutto nella popolazione scolastica” la decisione di chiudere le scuole anche se “dolorosa” è “da considerare“. “Ci siamo dati come priorità quella di aprire e tenere aperte le scuola – precisa – Finché è possibile farlo, è chiaro che la didattica in presenza rappresenta una priorità”, però solo “se la situazione epidemiologica lo permette”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili