“Vogliamo un passaporto verde a livello Ue col quale si possa viaggiare liberamente, per affari e per andare in vacanza, oltre a godere finalmente di eventi culturali, e altro”. Si schiera apertamente a favore del passaporto vaccinale anti-Covid il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, anticipando la sua posizione su un tema che è sul tavolo del vertice Ue che si aprirà nelle prossime ore. Quella che per l’Europa è – per ora- soltanto un’ipotesi tutta da dibattere fra i 27, è già realtà in Israele, che ha deciso di consentire ai vaccinati l’accesso a palestre, teatri e luoghi del tempo libero. Tel Aviv ha stretto anche un accordo con la Grecia, che prevede che i rispettivi cittadini possano circolare nei due paesi se sono immuni al Covid. Inoltre, anche Svezia, Danimarca, Estonia e Islanda (che non fa parte dell’UE ma rientra nell’area Schengen) hanno stabilito l’emissione di un documento che certifichi la vaccinazione, mentre l’Ungheria di un “attestato di immunità” assegnato anche ai guariti dal Covid19.

Kurz è tra i leader contattati dal premier greco, Kyriakos Mitsotakis, per creare una coalizione per spingere l’iniziativa del passaporto Covid, in vista dell’estate. Tra i Paesi che frenano, ritenendo la discussione prematura, Germania, Olanda, e Belgio. “Vogliamo tornare alla normalità – ha ancora aggiunto Kurz su Twitter – il più rapidamente possibile, per riavere la nostra vecchia vita e il massimo della libertà. Finché esisteranno la pandemia e il virus, questo funzionerà solo se adottiamo misure protettive, tramite una vaccinazione o un test”, ha affermato ancora. Anche l’Organizzazione mondiale della Sanità si è dichiarata favorevole rispetto all’emissione di documenti che certificano l’immunità da Covid-19.

Nel vertice sarà data grande rilevanza ai temi delle restrizioni per rallentare la corsa delle varianti del virus e la chiusura delle frontiere, con sei Paesi, tra questi la Germania, che si sono spinti ben oltre le raccomandazioni sulle misure adottate dal Consiglio, mettendo a repentaglio il corretto funzionamento del mercato unico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Navalny, Amnesty gli revoca lo status di “prigioniero di coscienza”. Esperto: “Attivisti usati dal Cremlino per screditarlo”

next