“Abbiamo fatto il quadro della situazione. Draghi ha voluto essere aggiornato sui numeri e sul lavoro che si sta facendo. Siamo preoccupati per la variante inglese, come tutti. Riaperture di bar e ristoranti la sera? Stasera non ne abbiamo discusso. Da un punto di vista scientifico dobbiamo essere prudenti ma non c’è catastrofe imminente. Abbiamo il controllo della situazione, vediamo come evolve la pandemia“. Così Agostino Miozzo, coordinatore del Cts, dopo il vertice con Mario Draghi a Palazzo Chigi per discutere in merito alle misure anti-Covid.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Miozzo (Cts): “Ascolteremo Draghi e diremo che serve prudenza”

next
Articolo Successivo

Covid, da giovedì passano in zona arancione rafforzata anche 14 Comuni dell’Emilia-Romagna. In presenza solo gli asili

next