La campionessa di pole dance, due volte vincitrice di Miss Pole Dance UK, Jessica Norris si è suicidata a 27 anni. La ragazza, originaria di Bolton, nell’hinterland di Manchester, nel Regno Unito, combatteva contro la depressione da quando era un’adolescente ed era riuscita ad uscirne, ma la chiusura della palestra dove si allenava e il blocco di tutte le competizioni a cui avrebbe dovuto partecipare a causa dell’epidemia di Covid l’hanno fatta precipitare nuovamente nel baratro della malattia. Jessica Norris era stata trovata impiccata nella sua camera da letto il 15 giugno scorso e ora la polizia ha chiuso le indagini sulla sua morte, archiviando definitivamente il caso come suicidio dovuto alla depressione. Come si legge sul Daily Mail, gli inquirenti hanno fatto sapere che la giovane aveva fatto diverse ricerche online sull’autolesionismo prima di morire.

Il medico legale Alan Walsh, incaricato dell’autopsia ha confermato il decesso per suicidio, precisando che nel sangue della ragazza sono state trovate tracce di psicofarmaci ma non di alcol o droghe: il medico di base di Jessica, il dottor Imran Salun, ha dichiarato agli inquirenti che le aveva prescritto la sertralina come antidepressivo. A ulteriore conferma della pista del suicidio, c’è poi il fatto che dai rilievi della polizia scientifica non è emerso alcun segno di effrazione nell’abitazione dove la 27enne viveva con un amico. Anzi, quando il giovane è rientrato a casa dopo il lavoro ha trovato un biglietto sulla porta della sua camera da letto che diceva: “Non entrare. Chiama il 999. Mi dispiace tanto“. Inutili tutti i tentativi di rianimarla.

Accanto al corpo, era stato trovato un biglietto in cui aveva scritto: “Ti amo così tanto, nonnina, e ti sono grata per quello che hai fatto per me. Ma non posso più in grado di affrontare quello che sta succedendo nella mia testa“. Sua madre Alanna Norris, che vive in Francia, ha commentato: “Jessica ha condotto una vita strutturata e ha lottato quando il lockdown ha significato che non poteva insegnare o prendere parte a gare di pole dance”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili