Dopo più di due mesi, in Germania iniziano a riaprire le scuole. Con il lockdown duro imposto dalla Cancelliera Angela Merkel ancora in corso, in dieci Länder tedeschi, fra cui quello di Berlino, si torna in classe e negli istituti per l’infanzia. Si tratta di una misura molto discussa nelle scorse settimane nel Paese, dopo la decisione del governo di imporre la linea dura per cercare di abbassare e mantenere sotto i limiti di guardia i contagi, proprio nei mesi in cui è stato messo in atto, come nel resto d’Europa, il piano vaccinale.

Discussione che è avvenuta soprattutto nel corso del recente vertice Stato-Regioni, che ha visto Merkel su posizioni più rigide a riguardo. La Cancelliera, secondo quanto emerge, avrebbe voluto rimandare ulteriormente la ripresa delle lezioni in presenza, vincolandola ai dati sull’incidenza settimanale dei contagi da Covid: la nuova soglia di riferimento per le altre aperture (di negozi e locali, per ora ancora chiusi) è scesa infatti da 50 a 35 nuovi contagi su 100mila abitanti in sette giorni. La gestione delle scuole è però tornata nelle mani delle amministrazioni regionali, che in molti casi hanno deciso una riapertura veloce, nonostante il Paese resti in lockdown fino al 7 marzo, con l’eccezione dei parrucchieri che riapriranno l’1.

Le scuole seguono comunque regimi speciali: a Berlino, ad esempio, le classi sono spesso divise in gruppi, le lezioni vengono alternate, e c’è l’obbligo delle mascherine in classe. La politica sta inoltre valutando al possibilità di dare priorità agli insegnanti per le vaccinazioni.

Intanto, sono 4.369 i nuovi casi di coronavirus confermati e 62 i decessi nelle ultime 24 ore. Il ministro della Sanità, Jens Spahn, ha chiesto di essere “cauti” dal momento che rispetto ai contagi “i numeri stanno salendo ancora”, anche a causa della variante inglese particolarmente contagiosa. Intervistato dalla radio Ard, Spahn ha spiegato che gli insegnanti potrebbero essere vaccinati prima del previsto.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Barcellona, incendi e scontri tra manifestanti e polizia durante le proteste per l’arresto del rapper Pablo Hasel – Video

next
Articolo Successivo

Libia, dieci anni dopo: il trionfo delle milizie e dell’impunità

next