È morto all’età di 71 anni Mauro Bellugi. L’ex stopper nato calcisticamente nell’Inter, aveva subito l’amputazione delle gambe a causa di complicazioni legate al covid-19. È morto all’ospedale Niguarda di Milano e Barbara D’Urso lo ha ricordato sui social, condividendo un pezzo di una puntata di “Live-Non è la D’Urso” quando Bellugi era stato ospite: “Metto questa foto perché qui sorridi, nonostante tutto quello che ti stava succedendo sorridi e canti con me, come sempre, la canzone di Modugno… E quanto ridevi e quanto cantavi! Sei un esempio Mauro… Uomo, padre, marito ed amico meraviglioso… Per sempre”. Bellugi si era collegato con l’amica Barbara dall’ospedale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili