Niente Carnevale, c’è il Covid. Nella giornata clou del Giovedì Grasso basta guardarsi attorno tra vie e piazze delle città in zona gialla (quasi tutte) e non sembra nemmeno essere carnevale. Tra le tante vittime illustri del ritrovo in pubblico causate dal Coronavirus c’è anche la tradizionale ricorrenza delle sfilate mascherate che il nostro febbraio cela come un piccolo sberleffo all’inverno che sta per concludersi. Certo, in queste ore a Venezia non sono mancate alcune brevi ed estemporanee sfilate di maschere, ma nulla a che vedere con le adunate oceaniche di turisti provenienti da tutto il mondo.

Il calcolo del giovedì (e del martedì) grasso come molti sanno è legato a quando cade la Pasqua, o meglio il mercoledì delle ceneri. Intanto va presa la data della Pasqua (quest’anno il 4 aprile) vanno sottratti 40 giorni (senza domeniche) ed ecco sbucare il mercoledì delle ceneri (quest’anno il 17 febbraio). Così il martedì precedente (quest’anno il 16 febbraio) sarà Martedì Grasso, e a scalare il Giovedì Grasso sarà il giovedì precedente (appunto, quest’anno l’11 febbraio).

Per la religione cattolica il Mercoledì delle ceneri è l’inizio del periodo di penitenza e digiuno, quindi tra giovedì e martedì grasso ci si può ingozzare quanto si vuole, proprio tenendo come giorno supremo dell’abbuffata i Martedì Grasso. Quindi, certo, niente sfilate mascherate, ma nessuno ha ancora vietato di mangiarsi sfrappole, frittelle, chiacchiere e castagnole.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Capodanno Cinese: dopo l’anno funesto del topo, il 2021 è l’anno del bue. Ecco cosa significa

next
Articolo Successivo

Uomini e Donne, Samantha è la prima tronista “curvy”: “A 15 anni pesavo 90 kg, però io quei chili li ringrazierò sempre”

next