Bobby Solo ha denunciato in Procura a Napoli il furto dei diritti d’autore delle sue canzoni. Una truffa milionaria andata avanti per oltre 30 anni, senza che nessuno mai sospettasse nulla. La denuncia arriva in seguito alla scoperta dell’identità del vero proprietario e responsabile dei server usati dalla pirateria italiana per la diffusione illegale di film, telefilm, musica e libri, grazie alla causa in corte statunitense aperta da Lux Vide con Emme Team e i suoi legali americani, e dopo che le prove sono state depositate presso la Procura di Napoli pochi giorni fa, permettendo a decine di artisti, produttori cine-televisivi e autori di depositare denunce nei confronti di questo soggetto, anche per ottenere il risarcimento dei danni subiti in tutti questi anni.

Una truffa che ha visto brani di successo planetario come ‘Una lacrima sul viso‘ e ‘Se piangi, se ridi‘ depositati da persone completamente estranee a Bobby Solo presso l’ufficio copyright statunitense e poi utilizzati come garanzia per ottenere prestiti bancari. Questo in aggiunta a decine di società italiane e estere che hanno distribuito i brani musicali di uno degli artisti italiani più noti nel mondo, senza riconoscere i dovuti compensi all’autore e senza presentargli un rendiconto sulle vendite. Una frode andata avanti per oltre 30 anni che è arrivata al termine dopo che l’artista ha chiesto di indagare.

Versioni delle canzoni di Bobby Solo sono state realizzate in francese, tedesco, inglese, coreano, cinese e giapponese, senza che il compositore potesse percepire quanto dovuto. Un furto finalmente bloccato grazie al lavoro di Emme team e dopo decenni si è potuto finalmente procedere a denunciare i responsabili, facendo in modo che l’artista tornasse finalmente proprietario della musica da lui composta. Un danno incalcolabile anche al patrimonio musicale italiano che sta portando molti autori a rivolgersi a Emme team per controllare se fuori dall’Italia i loro diritti sono realmente rispettati. La lotta alla pirateria di Emme Team è seguita dai suoi legali Salvatore Pettirossi e Gabriele Esposito, entrambi del foro di Napoli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Doodle di Google oggi è dedicato a Maria Graver: ecco chi è

next
Articolo Successivo

“Trenta minuti di allenamento al giorno valgono più di lunghe sessioni in palestra: così attiviamo le sirtuine”

next