30 minutes”. E’ questo il nome del programma di allenamento intensivo che sta spopolando fra le star di tutto il mondo. Trenta minuti di allenamento intenso al giorno che valgono più di due di due o addirittura tre ore di attività in palestra. Dal calciatore Modibo Diakité alle attrici internazionali Laia Costa e Ida Lundgren fino alla principessa Arabella von Liechtenstein e ai vip italiani Carolina Rey, Luca Capuano e la cantante Fiordaliso, sono in tanti che seguono questo nuovo approccio al benessere fisico e mentale, promosso dal giovane trainer delle celebrità Ione Acosta. I risultati andrebbero aldilà della semplice buona forma fisica. Con un piccolo investimento di tempo ogni giorno si otterrebbero risultati sul benessere in generale, compreso quello mentale, e anche sulla durata e sulla qualità della vita. “Meglio allenarsi tutti i giorni per almeno 30 minuti che fare allenamenti di due ore una volta a settimana”, spiega Acosta. “Non è infatti necessario sottoporsi a lunghe e stressanti sessioni di allenamento in palestra”, aggiunge. La strategia di Acosta è sostenuta anche da diverse ricerche scientifiche. Uno studio dell’Università di Copenhagen, pubblicato sullo Scandinavian Journal of Public Health, mostra, ad esempio, che chi si esercita per 30 minuti al giorno va incontro ad un calo di peso superiore di un terzo, rispetto a chi si dedica all’attività fisica per il doppio del tempo.

L’esercizio fisico intenso, inoltre, può essere considerato uno tra i più importanti “attivatori delle sirtuine”, una classe di proteine naturalmente presenti nel nostro organismo che regolano importanti vie metaboliche e sono coinvolte, tra l’altro, nell’invecchiamento e nello stress. Uno studio pubblicato sull’International Journal of Molecular Sciences, ad esempio, suggerisce che l’attività fisica intensa attiva queste “proteine della longevità” con effetti benefici sul muscolo, che ne risulta praticamente “ringiovanito”. Ci sono evidenze scientifiche secondo le quali l’esercizio fisico intenso innescherebbe un circolo virtuoso: attiva le sirtuine che a loro volta favoriscono lo sviluppo delle fibre muscolari e quindi della massa muscolare. Le sirtuine sprigionate, inoltre, sono in grado di influenzare diversi aspetti del metabolismo, contrastando l’obesità e tutte le patologie a essa correlate. Per questo, insieme al programma “30 minutes” del trainer dei vip, stanno spopolando anche nuovi integratori di lusso. “Consiglio l’assunzione di integratori attivatori di sirtuine, in particolare ‘SIRT500 Plus’ che, secondo la mia esperienza, è risultato essere il più efficace. Un ‘aiutino’ naturale, quindi, per raggiungere il massimo del benessere”, aggiunge.

Niente però può sostituire un altro pilastro del benessere, cioè l’alimentazione. “La nutrizione è un alleato fondamentale per raggiungere i propri obiettivi, meglio se ci si fa seguire da un professionista”, dice Acosta. Ultimo pilastro del benessere, ma non meno importante, è il lavoro sulla mente. Il consiglio del trainer è quello di non darsi traguardi troppo ambiziosi. “E’ fondamentale puntare su ‘obiettivi’ a stretto raggio”, suggerisce . Invece che un generico “vorrei perdere peso” o “voglio un fisico da modella è meglio un “voglio sentirmi bene in costume la prossima estate”. “Il cervello comprende male gli obiettivi astratti o troppo lontani dalla realtà mentre invece accoglie obiettivi concreti e realizzabili in un determinato lasso di tempo, questo aiuta a realizzarli davvero”, conclude Acosta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bobby Solo denuncia: “Per oltre 30 anni sono stato derubato dei diritti delle mie canzoni”. La truffa milionaria

next
Articolo Successivo

Francesca Fialdini positiva al Covid: stop per “Da noi.. a ruota libera”?

next