Ancora un royal baby nella famiglia reale britannica, seppure su un ramo cadetto di casa Windsor. Stavolta il lieto evento riguarda la principessa Eugenie, nipote assai vicina alla quasi 95enne regina Elisabetta e secondogenita del principe Andrea e di Sarah Ferguson, che stamattina ha dato alla luce un maschietto, come annunciato nel pomeriggio da Buckingham Palace.

Per Eugenie e suo marito, Jack Brooksbank, sposato nel 2018, si tratta del primo figlio. Il piccolo, il cui nome sarà reso noto più avanti e che è al momento 11esimo nella linea di successione al trono, pesa circa 3,7 chili e sta bene, assicura la corte. Mentre la bisnonna regina fa sapere di essere “felicissima”, assieme al pressoché centenario principe consorte Filippo, per la venuta al mondo del nuovo bisnipote. Il parto è avvenuto in un’ala riservata del Portland Hospital di Londra, lo stesso in cui nel 2019 è nato Archie, primogenito dei duchi di Sussex, Harry e Meghan. E proprio la coppia è stata tra i primi a fare le congratulazioni ai neo-genitori, con una telefonata, come riferiscono le indiscrezioni riportate dai tabloid britannici.

Il palazzo informa che il nonno Andrea – escluso dai ruoli pubblici della famiglia reale e finito in disgrazia dopo essere stato sfiorato dallo scandalo Epstein – è stato informato in tempo reale, al pari della nonna Sarah e della sorella maggiore di Eugenie, Beatrice, neo sposa dell’immobiliarista e aristocratico italo-inglese Edoardo Mapelli Mozzi.L’emergenza Covid, segnata nel Regno Unito ormai dal terzo lockdown nazionale e dall’isolamento protratto nel castello di Windsor della regina e del principe Filippo, non consentirà per ora incontri familiari o eventi sociali. E lo stesso battesimo nella Chiesa anglicana del neonato resta al momento sospeso a una data da fissare ufficialmente più in là.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Neymar ha perso la testa per Chiara Nasti, ma lei lo snobba”

next
Articolo Successivo

Andrea Iannone e Natasha Tozzi, pranzo romantico a Milano: lei è la figlia di Umberto Tozzi

next