Venerdì 5 febbraio è l’ottavo anniversario della Giornata dei Calzini Spaiati, un’iniziativa per sensibilizzare su autismo e altre diversità nata dalla mente dei bambini della Scuola Primaria di Terzo di Aquileia e promossa dalla maestra Sabrina. I calzini spaiati sono una metafora della diversità in quanto un diverso colore, lunghezza, forma e dimensione non cambiano la natura delle cose: sono sempre e comunque dei calzini!

Aderire alla giornata è molto semplice: occorre indossare calzini spaiati, fantasiosi e giocosi, scattare una foto e pubblicarla sul proprio profilo Facebook o Instagram taggando @autismoParoleperdirlo. L’invito a partecipare è rivolto a tutti: adulti, bambini, insegnanti, genitori, asili e scuole.

Tra gli aderenti alla Giornata dei Calzini Spaiati anche il Coordinamento Banche del Tempo, il luogo che agisce come centro di raccolta della domanda e dell’offerta di tempo gestito dalla Città metropolitana di Torino.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini anti-Covid, il primo rapporto Aifa sulle sospette reazioni avverse: “Confermata sicurezza. Ecco i disturbi più frequenti”

next
Articolo Successivo

Il coprifuoco non ha frenato la prostituzione (che continua al chiuso). Ma le vittime sono più vulnerabili: “Il 70% chiede aiuti alimentari”

next