di Serena Verrecchia

Hanno vinto loro, come era prevedibile. Il profilo “alto”, l’establishment, il Paese che cambia tutto per non cambiare niente. Quello che demolisce senza ricostruire, che lascia a terra le macerie perché poi finisce che qualcosa da dissotterrare al momento giusto si trova sempre.

Ha vinto Matteo Renzi. Hanno vinto la megalomania e l’impertinenza di una delle forze politiche meno legittimate dal consenso popolare. Hanno vinto i famosi “poteri forti”, un’entità astratta e incorporea, ascrivibile a un sistema di valori che non mette mai le persone al centro. Un sistema disabituato alla generosità, alla gentilezza, all’interesse per le sorti degli altri, all’empatia.

Credevamo davvero che un Presidente del Consiglio prelevato in tutta fretta da una quotidianità pressoché ordinaria potesse resistere fino alla fine in un diabolico gioco di potere? Credevamo davvero che una persona normale, lontana dagli schemi della politica, aliena a logiche di partito e interessi elettorali, potesse reggere sotto la pressione di perversi ingranaggi di sistema? Suvvia, siamo seri. Non è il 50-60% di gradimento presso il popolo (già) sovrano a metterti in salvo dal fuoco incrociato di lobby, gruppi editoriali, organizzazioni economiche, club privati, appetiti politici, brama di potere, gelosie. Specie se sei un leader con le spalle scoperte che prova a perseguire sempre l’interesse generale. A discapito proprio di quegli appetiti e di quei languori che insozzano le dita unte di chi ha fame di potere. Di chi ha sempre fame di potere.

Ha vinto l’ingordigia estatica di chi gioca sulla pelle della gente, di chi non sa guardare oltre la propria isola, ma gironzola famelico solo entro l’arcipelago ristretto di interessi collaterali.

Non ha vinto Conte, non avrebbe mai potuto vincere Conte. Perché “non è un politico”. Perché a Confindustria dava prurito, perché ai giornalisti col guinzaglio sembrava privo di “visione”, perché ai tanti giuristi, economisti, analisti, europeisti, arrivisti e tuttologisti di questo Paese appariva inadatto. Troppo decisionista e troppo tentennante, troppo accentratore e troppo burattino, troppo buono e troppo spudorato. Troppo popolare. Troppo.

Alla fine hanno vinto loro, in barba a qualsiasi indice di gradimento popolare. Arrotolandosi sui meccanismi cinici della politica, giocando d’azzardo mentre gli anziani venivano decimati, le terapie intensive annaspavano, le saracinesche dei locali restavano abbassate e le persone non sapevano (e non sanno) come reinventarsi.

Hanno vinto quelli che sono stati pazienti, che hanno atteso in agguato che il lavoro sporco lo facesse qualcun altro al posto loro. Hanno tributato ovazioni quando la partita del Recovery è stata portata a casa con successo, poi hanno calato la lama, pugnalando alle spalle. Mettendo in discussione tutto, senza esitazione. Hanno rotto la politica, l’hanno fatta a pezzi, accanendosi sui resti di quel poco di buono a cui cercavamo di appigliarci. Senza che noi potessimo fare nulla, senza che nessuno ci abbia chiesto un parere.

Ora è iniziato il tempo dei costruttori, per somma gioia dei gruppi di potere, mai così giubilanti da diversi mesi a questa parte. Per il tempo dei galantuomini, non eravamo ancora pronti.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Salvini: “Draghi scelga, o noi o M5s”. Beppe Grillo in arrivo a Roma. Zingaretti: “Pd e Lega alternativi. Berlusconi nell’esecutivo? Penso di sì”. E dà l’ok a Conte “leader del fronte progressista”

next
Articolo Successivo

Draghi deve conquistarsi la fiducia non solo dei politici, ma di tutti noi

next