La casa farmaceutica statunitense Pfizer si attende per quest’anno 15 miliardi di dollari (12,4 miliardi di euro) di ricavi aggiuntivi, grazie alle vendite del vaccino sviluppato con la tedesca BioNtech. E’ la prima volta che il gruppo diffonde stime sui benefici finanziari legati al medicinale anti Covid, il primo a ricevere l’approvazione delle agenzie per il farmaco. La valutazione di Pfizer è prudenziale, la casa farmaceutica afferma infatti che gli introiti potrebbero aumentare ulteriormente se verranno siglati nuovi accordi di vendita. La valutazione dei ricavi è fatta ipotizzando una divisione 50/50 con BioNtech. Pfizer ipotizza di vendere nel 2021 circa 2 miliardi di dosi.

Mentre Oxford/AstraZeneca e Johnson & Johnson hanno scelto di rinunciare ai profitti del vaccino nel corso della pandemia Pfizer e Moderna hanno preso la strada opposta. Questo spiega anche la differenza di costo. Il vaccino Pfizer costa 19 dollari a dose, quello Moderna 25 dollari. I vaccini Astrazeneca vengono invece venduti a circa 4 dollari. Eppure, soprattutto nella prima fase dello sviluppo, quella più rischiosa, sia Moderna che Pfizer e BioNtech hanno ricevuto ingenti finanziamenti pubblici. Oltre due miliardi di euro per Moderna e circa mezzo miliardo di euro per Pfizer/BioNtech. Solo in un secondo momento, quando i profitti erano ormai assicurati, hanno iniziato a muoversi anche i capitali privati. L’entità dei proventi garanti dal vaccino spiega, se mai ve ne fosse bisogno, la ritrosia di fronte all’ipotesi di rendere i brevetti liberamente accessibili per accelerare la produzione e facilitare la somministrazione anche nei paesi più poveri.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Esuberanza (molto) irrazionale, Elon Musk twitta e partono gli acquisti. Ma l’azienda è quella sbagliata

next