“Ed ecco nasce un’idea folle. Costruire una città trappola, Alessandria. Pensate che idea, costruisco una città per distruggere un esercito.”

“È una città su una palude e gran parte della città è fatta su barche. Le mura sono costruite di legno su barconi e però sono mura che si possono spostare un’idea geniale, un’idea completamente diversa.”

“Io credo che sarebbe importante conoscere queste storie. Mi è venuta l’idea dell’amore per la storia grazie a queste storie straordinarie che mi raccontavano. Certo non le lezioni noiose di storia della scuola con le date e i nomi dei re da imparare a memoria ma il ragionamento, ed è il ragionamento che poi resta e che tu sei in grado di trasmettere e che farà nascere nei tuoi discendenti idee geniali. ”

Concludo lanciando un appello. Io da anni sto cercando documenti e
testimonianze
sia in Italia che in Germania su questi fatti. Se c’è qualcuno che ha voglia di aiutarmi a sviluppare questo discorso e se qualcuno lo vuole leggere in maniera più ampia mio padre ha proprio fatto un libro su l’assedio di Alessandria e il Federico Barbarossa, romanzato però molto bello.

Alessandria e fanteria lombarda durante la battaglia di Legnano disegni di Jacopo Fo

Il Barbarossa e la beffa di Alessandria
scritto da Dario Fo pubblicato da Guanda.

VISITA ANCHE
themanwithnoidea.com

Articolo Precedente

L’Uomo Che Non Ha Idea incontra John Lennon, Lucio Corsi e tutti coloro che non hanno mai smesso di immaginare

next
Articolo Successivo

L’Uomo Che Non Ha Idea incontra Marilyn Monroe, Januaria Piromallo e tutte le donne che non hanno idea di dove vada a finire l’amore

next