Miliardi di “cicale dagli occhi rossi” che hanno trascorso 17 anni in gestazione nei sottofondi di New York stanno per emergere e invadere alcune zone della città nella tarda primavera. L’allarme è stato lanciato dagli esperti, riferiscono alcuni quotidiani Usa. Questi insetti, chiamati “Brood X” – neri, arancione e rossi – hanno trascorso anni sottoterra, ma resto saliranno in superficie: la scena quasi biblica è attesa intorno a maggio, quando la temperatura media del sottosuolo dovrebbe assestarsi sui 18 gradi.

Ci sono 15 diversi tipi – o covate – di cicala, il che significa che ogni anno un tipo diverso emerge da qualche parte sulla costa orientale degli Usa. L’ultima volta che ‘Brood X’ è emerso è stato nel 2004, principalmente a Long Island. Gli insetti sono diversi dalle cicale verdi che sono presenti ogni anno, secondo Cicada Mania, un sito dedicato agli “insetti più sorprendenti del mondo”.

A New York City, le cicale si trovano principalmente a Central Park e parti di Staten Island e nel Bronx ed emergono quando il terreno si riscalda a una temperatura di 18 gradi e cioè a maggio. Sono innocui, ma durante i grandi anni dell’emergenza volano sulle persone e il rumore che creano è quasi assordante. Il suono collettivo delle cicale maschi che chiamano le femmine può raggiungere i 100 decibel, un suono simile a quello prodotto dalla Harley-Davidson

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arrestata la vincitrice di un noto programma di cucina: “Ha ucciso la figlia di 3 anni”. Food Network cancella gli episodi in cui era protagonista

next
Articolo Successivo

Quattro membri della stessa famiglia muoiono di Covid dopo il pranzo di Natale: “Non si vedevano da mesi”

next