Devi avere il pelo perché se non hai il pelo non puoi fare l’arte della vulva. Voi ragazze tutte depilate non potete fare la Vulva Art, le donne come un tempo, come Dio le ha create, cioè come me, possono“. Parole di Naike Rivelli (no, Cetto Laqualunque non c’entra) che in un video su Instagram mostra come fare la vulva art. Provocazione o vocazione, chissà.

La ragazza, si sa, una ne fa cento ne pensa e anche stavolta la mamma, Ornella Muti, è la sua complice, molto divertita. A dire il vero, i quadri che mostra, realizzati con una “tecnica” (come si vede dalle foto) molto semplice, hanno un che di artistico. Starebbero male in una qualche mostra di arte contemporanea nel MeatPacking a New York? Probabilmente no.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Naike Rivelli (@naikerivelli)

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gino Bramieri merita di essere ricordato così? La vedova chiama in diretta non è la D’Urso e si sfoga duramente

next
Articolo Successivo

Massimo Giletti e Nunzia De Girolamo in copertina su Chi. Lui: “Scatto non destinato alla pubblicazione, scherzavamo”

next